Cassazione sul ricorso cumulativo

La Corte di Cassazione con la sentenza 10150 dell’11 aprile 2019 si è pronunciata sul ricorso cumulativo affermando “che il Collegio intende dare continuità al condivisibile principio espresso da questa Corte, con le sentenze n. 3692/2009, n. 4490/2013 e n. 7940 e 7941/2016, secondo cui nel processo tributario, non prevedendo il d.lgs. n. 546 del 1992 alcuna disposizione in ordine al cumulo dei ricorsi, e rinviando il suo art. 1, co. 2, alle norme del codice di procedura civile per quanto da esso non disposto e nei limiti della loro compatibilità con le sue norme, deve ritenersi applicabile l’art. 103 c.p.c., in terna di litisconsorzio facoltativo, conseguendone l’ammissibilità della proposizione di un ricorso congiunto da parte di più soggetti, anche se in relazione a distinte cartelle di pagamento, ove abbia ad oggetto identiche questioni dalla cui soluzione dipenda la decisione della causa”.

Share
0

File allegati

Articoli correlati

Il confronto tra i prezzi nell’accertamento induttivo deve avvenire tra dati omogenei

Non possono confrontarsi i prezzi di vendita dei prodotti ad un diverso stadio di commercializzazione. Lo ha affermato la Cassazione nell’ordinanza n. 14609 del 29 maggio in relazione alle numerose…
Continua

L’ignoranza esclude le sanzioni tributarie

La Corte di cassazione con l'ordinanza del 15.05.2019 n. 12901 ha statuito che le sanzioni tributarie sono applicate in tutti i casi in cui il contribuente commette una violazione in…
Continua

Omesso versamento per insufficienza di risorse: liquidatore senza responsabilità

Con la sentenza n. 17727, depositata in data 29 aprile 2019, la Cassazione ha stabilito che il liquidatore non risponde per l’omesso versamento di imposte dovute in costanza della sua…
Continua