La Corte di Cassazione sul contraddittorio endoprocedimentale in caso di accertamento “a tavolino” di tributi armonizzati

La Corte di Cassazione con la sentenza num. 10652 del 17 aprile 2019 ha statuito che in caso di indagini “a tavolino”, ove l’accertamento attenga a tributi armonizzati, l’Agenzia è tenuta a rispettare il contraddittorio endoprocedimentale e la violazione di tale obbligo comporta l’invalidità dell’atto, purché il contribuente abbia assolto all’onere di enunciare, in concreto, le ragioni che avrebbe potuto far valere. Per gli accertamenti ai fini imposte dirette non sussiste invece ad oggi alcun obbligo generale di contraddittorio endoprocedimentale..

Share
0

File allegati

Articoli correlati

Il valore probatorio delle bollette doganali

Con l'ordinanza del 21 giugno 2019 nu, 16676 la Corte di Cassazione ha stabilito che la bolletta doganale è un atto pubblico munito di fede privilegiata, caratterizzata da attestazione di…
Continua

La superficie utile per beneficiare dell’agevolazione prima casa

Ai fini della sussistenza dei requisiti per beneficiare delle agevolazioni prima casa, per determinare la superficie utile complessiva dell’immobile considerare l’estensione globale riportata nell’atto di acquisto che residua una volta…
Continua

Il confronto tra i prezzi nell’accertamento induttivo deve avvenire tra dati omogenei

Non possono confrontarsi i prezzi di vendita dei prodotti ad un diverso stadio di commercializzazione. Lo ha affermato la Cassazione nell’ordinanza n. 14609 del 29 maggio in relazione alle numerose…
Continua