La riproponibilità dell’appello depositato tardivamente.

Con la sentenza in commento, la Commissione tributaria regionale della Sicilia sezione staccata di Catania si pronuncia su una questione processuale di indubbio interesse ovverosia se è riproponibile un atto di appello non ancora dichiarato inammissibile e nel rispetto del termine di cui all’art. 327, comma 1, c.p.c. ovvero entro un anno dalla pubblicazione della sentenza senza tenere conto del momento in cui è stato presentato il primo appello inammissibile.

 

Share
0

Articoli correlati

Il risarcimento della perdita di chance non è tassabile

In tema di imposte sui redditi, le somme percepite dal contribuente a titolo risarcitorio sono soggette ad imposizione soltanto se risultino destinate a reintegrare un danno concretatosi nella mancata percezione…
Continua

La responsabilità del direttivo delle associazioni sportive

I soggetti che agiscono in nome e per conto delle associazioni non riconosciute sono chiamati a rispondere solidalmente con le stesse se, in forza del ruolo rivestito, abbiano diretto la…
Continua

la Cassazione sull’art. 12 comma 7 dello Statuto del contribuente

La V sezione della Cassazione con la sentenza del 15.01.2019 num. 701 fissa i seguenti principi di diritto: 1) l'art. 12, comma 7, della legge n. 212 del 2000 pre- vede,…
Continua