L’obbligo di motivazione della cartella nel caso in cui sia il primo atto

Con la sentenza n. 31270, depositata il 4 dicembre 2018, la Cassazione ha precisato che la cartella di pagamento non preceduta da avviso di accertamento deve contenere una adeguata motivazione della pretesa erariale, in modo tale da permettere al contribuente di verificarne la fondatezza. In caso contrario si ha una lesione del diritto di difesa, che non viene meno neanche se l’Ufficio espliciti gli elementi mancanti nella cartella con le proprie controdeduzioni a seguito di impugnazione da parte del contribuente. (Corte di Cassazione, sez. tributaria, sentenza 4.12.2018, n. 31270).
Share
0

File allegati

Articoli correlati

Le Sezioni Unite risolvono il contrasto sullo scomputo delle ritenute non versate

La Cassazione Sezioni Unite sentenza n. 10378 del 12/04/2019, relatore il Presidente Bruschetta,  afferma il principio di diritto secondo cui il sostituito che non abbia subito la ritenuta di acconto…
Continua

Cassazione sul ricorso cumulativo

La Corte di Cassazione con la sentenza 10150 dell'11 aprile 2019 si è pronunciata sul ricorso cumulativo affermando "che il Collegio intende dare continuità al condivisibile principio espresso da questa…
Continua

Il risarcimento della perdita di chance non è tassabile

In tema di imposte sui redditi, le somme percepite dal contribuente a titolo risarcitorio sono soggette ad imposizione soltanto se risultino destinate a reintegrare un danno concretatosi nella mancata percezione…
Continua