L’obbligo di motivazione della cartella nel caso in cui sia il primo atto

Con la sentenza n. 31270, depositata il 4 dicembre 2018, la Cassazione ha precisato che la cartella di pagamento non preceduta da avviso di accertamento deve contenere una adeguata motivazione della pretesa erariale, in modo tale da permettere al contribuente di verificarne la fondatezza. In caso contrario si ha una lesione del diritto di difesa, che non viene meno neanche se l’Ufficio espliciti gli elementi mancanti nella cartella con le proprie controdeduzioni a seguito di impugnazione da parte del contribuente. (Corte di Cassazione, sez. tributaria, sentenza 4.12.2018, n. 31270).
Share
0

File allegati

Articoli correlati

Omesso versamento per insufficienza di risorse: liquidatore senza responsabilità

Con la sentenza n. 17727, depositata in data 29 aprile 2019, la Cassazione ha stabilito che il liquidatore non risponde per l’omesso versamento di imposte dovute in costanza della sua…
Continua

La Corte di Cassazione sul contraddittorio endoprocedimentale in caso di accertamento “a…

La Corte di Cassazione con la sentenza num. 10652 del 17 aprile 2019 ha statuito che in caso di indagini “a tavolino”, ove l'accertamento attenga a tributi armonizzati, l'Agenzia è…
Continua

Le Sezioni Unite risolvono il contrasto sullo scomputo delle ritenute non versate

La Cassazione Sezioni Unite sentenza n. 10378 del 12/04/2019, relatore il Presidente Bruschetta,  afferma il principio di diritto secondo cui il sostituito che non abbia subito la ritenuta di acconto…
Continua