Omesso versamento IVA non c’è reato in caso di domanda di concordato preventivo

Con la sentenza n. 36320 del 22 agosto 2019, la Corte di Cassazione ha escluso il reato di omesso versamento IVA perché l’inadempimento era successivo alla presentazione di una domanda di concordato preventivo. Secondo i giudici, con la presentazione della domanda di concordato viene meno qualunque comportamento illecito connesso all’omissione, senza necessità che vi sia la formale ammissione al concordato dell’impresa. Tale ammissione – anche se successiva alla scadenza dei versamenti – comporta retroattivamente il rispetto degli obblighi della procedura.

Share
0

File allegati

Articoli correlati

Il valore probatorio delle bollette doganali

Con l'ordinanza del 21 giugno 2019 nu, 16676 la Corte di Cassazione ha stabilito che la bolletta doganale è un atto pubblico munito di fede privilegiata, caratterizzata da attestazione di…
Continua

La superficie utile per beneficiare dell’agevolazione prima casa

Ai fini della sussistenza dei requisiti per beneficiare delle agevolazioni prima casa, per determinare la superficie utile complessiva dell’immobile considerare l’estensione globale riportata nell’atto di acquisto che residua una volta…
Continua