Omesso versamento IVA non c’è reato in caso di domanda di concordato preventivo

Con la sentenza n. 36320 del 22 agosto 2019, la Corte di Cassazione ha escluso il reato di omesso versamento IVA perché l’inadempimento era successivo alla presentazione di una domanda di concordato preventivo. Secondo i giudici, con la presentazione della domanda di concordato viene meno qualunque comportamento illecito connesso all’omissione, senza necessità che vi sia la formale ammissione al concordato dell’impresa. Tale ammissione – anche se successiva alla scadenza dei versamenti – comporta retroattivamente il rispetto degli obblighi della procedura.

Share
0

File allegati

Articoli correlati

La definizione liti pendenti sulle cartelle che liquidano l’imposta dichiarata e non…

La Corte di Cassazione con l’ordinanza 27271 del 24 ottobre 2019 sul diniego di chiusura liti fiscali pendenti relativamente alle cartelle ex 36 bis DPR 600/1973 afferma "Tanto premesso, è…
Continua

La Corte di Cassazione sul sisma ’90 e gli aiuti di stato

Nella sentenza 26477 del 3.10.2019 la Corte di cassazione affronta due questioni molto interessanti una prima relativa allo jus superveniens dopo la deliberazione ma prima del deposito di una sentenza…
Continua