Gli oneri probatori in tema di competenza

la Corte di cassazione con sentenza 1532 del 6.06.2019 ha statuito che “secondo l’insegnamento di questa Corte, in tema di imposte sul reddito d’impresa, la regola posta dall’art. 75 del d.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, secondo cui i ricavi, i costi e gli altri oneri concorrono a formare il reddito nell’esercizio di competenza, a condizione che la loro esistenza o il loro ammontare sia determinabile in modo oggettivo (dovendo altrimenti essere calcolati nel periodo d’imposta in cui si verificano tali condizioni), mira a contemperare la necessità di computare tutte le componenti nell’esercizio di competenza con l’esigenza di non addossare al contribuente un onere troppo difficile da rispettare: essa va quindi interpretata nel senso che il dovere di conteggiare tali componenti nell’anno di riferimento si arresta soltanto di fronte a quei ricavi e a quei costi che non siano ancora noti all’atto della determinazione del reddito, e cioè al momento della redazione e presentazione della dichiarazione (Cass. 22 settembre 2006, n. 20521). Pertanto, l’onere di provare la sussistenza dei requisiti di certezza e determinabilità delle componenti del reddito in un determinato esercizio sociale incombe all’Amministrazione finanziaria per quelle positive, e al contribuente per quelle negative”.

 

Share
0

File allegati

Articoli correlati

Occorre allegare la sentenza all’avviso di liquidazione dell’imposta di registro

La Corte di Cassazione con la sentenza num. 29491 del 16.11.2018 afferma che "in tema di imposta di registro, l'avviso di liquidazione emesso ex art. 54, comma 5, del d.P.R.…
Continua

La relazione dell’Ufficio del Massimario della Corte di Cassazione sulla riforma dei…

Pubblichiamo la relazione 3/20 dell'Ufficio del Massimario della Corte di Cassazione sulla recente riforma dei reati tributari attuata con la L. 157/2019 che ha convertito in legge, con modificazioni, il…
Continua

La motivazione dell’atto di revisione del classamento catastale

In sede di revisione del classamento catastale di un immobile, indipendentemente dalla procedura individuata, l’Amministrazione Finanziaria è chiamata fondare la pretesa fiscale sulla base di quattro elementi: il valore medio…
Continua