Il confronto tra i prezzi nell’accertamento induttivo deve avvenire tra dati omogenei

Non possono confrontarsi i prezzi di vendita dei prodotti ad un diverso stadio di commercializzazione. Lo ha affermato la Cassazione nell’ordinanza n. 14609 del 29 maggio in relazione alle numerose vendite di prodotti per l’infanzia effettuate da una spa alle sue controllate europee e corrispondenti a circa il 95% delle sue operazioni complessive.
Share
0

File allegati

Articoli correlati

La percentuale di ricarico nell’accertamento induttivo

La Corte di Cassazione nell’ordinanza n. 15589 depositata il 22 luglio 2020 afferma che l’accertamento induttivo, svolto attraverso la determinazione della percentuale di ricarico sulla merce venduta, ai fini Iva,…
Continua

La competenza nei contratti di appalto

La Corte di Cassazione con sentenza num. 2479 del 4.02.2020 ha affermato che "la giurisprudenza di questa Corte (v., tra le altre, di recente, Cass. n.32958 del 20/12/2018) è ferma…
Continua

Contraddittorio preventivo

Il contraddittorio preventivo è obbligatorio solo se espressamente previsto dalla legge per i tributi non armonizzati: nel nostro ordinamento ciò avviene solo in caso di accessi, ispezioni o verifiche presso…
Continua