Il risarcimento della perdita di chance non è tassabile

In tema di imposte sui redditi, le somme percepite dal contribuente a titolo risarcitorio sono soggette ad imposizione soltanto se risultino destinate a reintegrare un danno concretatosi nella mancata percezione di redditi, mentre non costituiscono reddito imponibile nell’ipotesi in cui tendono a riparare un pregiudizio di natura diversa. Lo ha confermato la Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 3632 del 7 febbraio 2019.

Share
0

File allegati

Articoli correlati

La Corte di Cassazione sul sisma ’90 e gli aiuti di stato

Nella sentenza 26477 del 3.10.2019 la Corte di cassazione affronta due questioni molto interessanti una prima relativa allo jus superveniens dopo la deliberazione ma prima del deposito di una sentenza…
Continua

Omesso versamento IVA non c’è reato in caso di domanda di concordato…

Con la sentenza n. 36320 del 22 agosto 2019, la Corte di Cassazione ha escluso il reato di omesso versamento IVA perché l’inadempimento era successivo alla presentazione di una domanda…
Continua

Il valore probatorio delle bollette doganali

Con l'ordinanza del 21 giugno 2019 nu, 16676 la Corte di Cassazione ha stabilito che la bolletta doganale è un atto pubblico munito di fede privilegiata, caratterizzata da attestazione di…
Continua