Il valore probatorio delle bollette doganali

Con l’ordinanza del 21 giugno 2019 nu, 16676 la Corte di Cassazione ha stabilito che la bolletta doganale è un atto pubblico munito di fede privilegiata, caratterizzata da attestazione di verità circa i fatti percepiti dal pubblico ufficiale e che non possono essere contraddette da altre risultanze processuali, come, ad esempio, le dichiarazioni rese da terzi, senza esperimento del procedimento di querela di falso..

Share
0

File allegati

Articoli correlati

La Cassazione sulla necessità della raccomandata informativa in tema di notifica della…

Secondo la sentenza della sezione V della Corte di Cassazione dell’11.05.2020 “Se la cartella di pagamento non viene notificata nelle mani del destinatario, è necessario il conseguente invio della raccomandata…
Continua

La Cassazione ancora sul diniego di autotutela

Con la sentenza num. 8719 dell'11.05.2019 la Suprema Corte si pronuncia ancora sul diniego di autotutela ed introduce spunti interessanti individuando la specifica figura del diniego di sgravio ed affermando…
Continua

Prescrizione quinquennale per interessi e sanzioni

La sezione VI della Corte di Cassazione con l'ordinanza 8297 del 29.04.2020 ha affermato che "i crediti di imposta sono, in via generale, soggetti alla prescrizione ordinaria decennale, ex art.…
Continua