La Cassazione sul disconoscimento di firma

Corte di Cassazione 4.02.2020 num. 2482: interessantissima ordinanza con cui la Corte di Cassazione fa il punto sulle notifiche a persona giuridica e sul disconoscimento della firma affermando il seguente principio :  “in tema di processo tributario, nel caso in cui l’Amministrazione eccepisca solo in appello la tardività del ricorso introduttivo del giudizio, depositando copia dell’avviso di ricezione della raccomandata di spedizione dell’atto impositivo, ove il contribuente deduca la nullità della notifica disconoscendo espressamente, in tale sede, l’autenticità della sottoscrizione del proprio legale rappresentante, senza che l’Amministrazione produca l’originale dell’avviso di ricezione, la copia dello stesso non può avere l’efficacia dell’atto pubblico; sicché nei suoi confronti non deve essere esperita la querela di falso, il cui giudizio deve necessariamente svolgersi sull’originale

Share
0

File allegati

Articoli correlati

La Cassazione sulla necessità della raccomandata informativa in tema di notifica della…

Secondo la sentenza della sezione V della Corte di Cassazione dell’11.05.2020 “Se la cartella di pagamento non viene notificata nelle mani del destinatario, è necessario il conseguente invio della raccomandata…
Continua

La Cassazione ancora sul diniego di autotutela

Con la sentenza num. 8719 dell'11.05.2019 la Suprema Corte si pronuncia ancora sul diniego di autotutela ed introduce spunti interessanti individuando la specifica figura del diniego di sgravio ed affermando…
Continua

Prescrizione quinquennale per interessi e sanzioni

La sezione VI della Corte di Cassazione con l'ordinanza 8297 del 29.04.2020 ha affermato che "i crediti di imposta sono, in via generale, soggetti alla prescrizione ordinaria decennale, ex art.…
Continua