La Corte di Cassazione sul contraddittorio endoprocedimentale in caso di accertamento “a tavolino” di tributi armonizzati

La Corte di Cassazione con la sentenza num. 10652 del 17 aprile 2019 ha statuito che in caso di indagini “a tavolino”, ove l’accertamento attenga a tributi armonizzati, l’Agenzia è tenuta a rispettare il contraddittorio endoprocedimentale e la violazione di tale obbligo comporta l’invalidità dell’atto, purché il contribuente abbia assolto all’onere di enunciare, in concreto, le ragioni che avrebbe potuto far valere. Per gli accertamenti ai fini imposte dirette non sussiste invece ad oggi alcun obbligo generale di contraddittorio endoprocedimentale..

Share
0

File allegati

Articoli correlati

Interessante pronunzia della Cassazione sulla responsabilità solidale del socio di società di…

Con la sentenza 1281 del 22 gennaio 2020 la Corte di Cassazione si pronuncia sulla solidarietà tra società di persone e socio in materia di debiti Erariali ed afferma :"Occorre…
Continua

Per il rimborso IVA basta la dichiarazione senza necessità di un’ulteriore istanza

Con la sentenza 24006 del26.09.2019 la Corte di Cassazione ha statuito che per ottenere il rimborso dell’IVA assolta è sufficiente che il contribuente abbia compilato la dichiarazione annuale (quadro RX).…
Continua

L’obbligo di motivazione e la possibile sanatoria di eventuali carenze in sede…

Con la sentenza 4070 del 18.022020 la Corte di Cassazione fornisce spinti interessanti su due questioni: l’obbligo di motivazione dell’atto di accertamento e la possibilità di integrare in sede processuale…
Continua