La responsabilità del direttivo delle associazioni sportive

I soggetti che agiscono in nome e per conto delle associazioni non riconosciute sono chiamati a rispondere solidalmente con le stesse se, in forza del ruolo rivestito, abbiano diretto la complessiva gestione associativa nel periodo in cui sono sorti i debiti dei quali si chiede il pagamento. È a carico dell’Ufficio, che invochi la sussistenza dei presupposti di tale responsabilità, il relativo onere probatorio, che non si assolve con la sola dimostrazione della mera titolarità, in capo al contribuente, della rappresentanza dell’associazione. Questi i principi contenuti nell’ordinanza della Corte di Cassazione n. 1489, depositata il 21 gennaio 2019.

Share
0

File allegati

Articoli correlati

La Cassazione sui trasfertisti

Con la sentenza 30319 del 30 novembre 2019 (pochi giorni fa) la Cassazione ha affermato che "Occorre premettere che, secondo una giurisprudenza consolidata di questa Corte, il regime del trasfertismo…
Continua

Gli oneri probatori in tema di competenza

la Corte di cassazione con sentenza 1532 del 6.06.2019 ha statuito che "secondo l'insegnamento di questa Corte, in tema di imposte sul reddito d'impresa, la regola posta dall'art. 75 del…
Continua

L’accesso all’accertamento induttivo e le medie di ricarico

La Corte di Cassazione con la sentenza num. 13161 del 16.05.2019 torna sull'accesso all'accertamento induttivo  e sull'utilizzo dello scostamento dal ricarico medio ordinario quale elemento per accedere ad una ricostruzione…
Continua