L’elemento soggettivo nelle fatture soggettivamente inesistenti

In tema di fatture soggettivamente inesistenti, la condotta antieconomica del fornitore non necessariamente è prova della consapevolezza della frode da parte del contribuente: occorre infatti verificare se ed in che modo poteva conoscere simili informazioni. Lo afferma la Cassazione con la sentenza n. 25106 depositata il 10.11.2020.

La Cassazione ha ricordato che l’amministrazione ha l’onere di provare non solo l’oggettiva fittizietà del fornitore, ma anche la consapevolezza del destinatario che l’operazione si inseriva in una evasione dell’imposta. Deve provare in base ad elementi oggettivi e specifici non limitati alla mera fittizietà del fornitore, che il contribuente sapeva o avrebbe dovuto sapere con l’ordinaria diligenza che l’operazione si inseriva in una evasione fiscale e che disponeva di indizi idonei a porre sull’avviso qualunque imprenditore onesto e mediamente esperto. Il contribuente deve poi fornire prova contraria.

Le contestazioni relative a fatture soggettivamente inesistenti si fondano per lo più sulla circostanza che il fornitore non adempia ai propri obblighi fiscali ovvero sulla sua condotta antieconomica. Elementi impossibili da conoscere per il contribuente, tanto più che se anche chiedesse simili notizie al proprio fornitore, riceverebbe verosimilmente false notizie rassicuranti. Gli uffici emettono a volte accertamenti in via quasi automatizzata, trascurando l’impossibilità per i contribuenti di accedere a simili informazioni. Sarebbe forse sufficiente che i verificatori, prima di emettere il provvedimento, verifichino se, senza utilizzare i propri poteri di controllo ed i dati presenti nell’anagrafe tributaria, siano comunque in grado di scoprire la frode magari utilizzando i motori di ricerca.

Share
0

File allegati

Articoli correlati

Ulteriore circolare sulla transazione fiscale

il 29 dicembre 2020 l'Agenzia delle Entrate ha emanato la circolare 34/E in tema di transazone fiscale.
Continua

La tassazione ai fini delle imposte indirette della costituzione di beni in…

La Corte di Cassazione con la sentenza num. 27995 del 7.12.2020 ripercorre l'evoluzione giurisprudenziale in tema di  tassazione ai finid elle imposte indirette della costituzione di beni in Trust e…
Continua

La cumulabilità della sanzione di infedele dichiarazione con quella di omesso versamento

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 27963 del 7.12.2020 afferma che "Risulta incontestato che l'Agenzia delle entrate ha applicato, con l'avviso di accertamento, la sanzione prevista dall'art. 5…
Continua