L’ignoranza esclude le sanzioni tributarie

La Corte di cassazione con l’ordinanza del 15.05.2019 n. 12901 ha statuito che le sanzioni tributarie sono applicate in tutti i casi in cui il contribuente commette una violazione in modo consapevole, ovvero a titolo di dolo (rappresentazione e volizione) o a titolo di colpa (consapevolezza di violare la norma bilanciata dalla certezza di evitare l’evento). Per l’esclusione della responsabilità, l’autore del fatto è chiamato a provare la propria ignoranza incolpevole, da intendersi quale non conoscenza, non superabile con l’ordinaria diligenza dei presupposti della fattispecie. Tale onere probatorio, chiarisce la Corte di Cassazione con l’ordinanza 12901 depositata il 15 maggio 2019, ricade sul contribuente e non può essere rilevato d’ufficio.

Share
0

File allegati

Articoli correlati

La Corte di Cassazione sul sisma ’90 e gli aiuti di stato

Nella sentenza 26477 del 3.10.2019 la Corte di cassazione affronta due questioni molto interessanti una prima relativa allo jus superveniens dopo la deliberazione ma prima del deposito di una sentenza…
Continua

Omesso versamento IVA non c’è reato in caso di domanda di concordato…

Con la sentenza n. 36320 del 22 agosto 2019, la Corte di Cassazione ha escluso il reato di omesso versamento IVA perché l’inadempimento era successivo alla presentazione di una domanda…
Continua

Il valore probatorio delle bollette doganali

Con l'ordinanza del 21 giugno 2019 nu, 16676 la Corte di Cassazione ha stabilito che la bolletta doganale è un atto pubblico munito di fede privilegiata, caratterizzata da attestazione di…
Continua