Contraddittorio preventivo

Il contraddittorio preventivo è obbligatorio solo se espressamente previsto dalla legge per i tributi non armonizzati: nel nostro ordinamento ciò avviene solo in caso di accessi, ispezioni o verifiche presso la sede del contribuente. Per i tributi armonizzati, come l’Iva, l’assenza del contraddittorio endoprocedimentale comporta invece la nullità del conseguente atto impositivo, semprechè il contribuente fornisca elementi idonei a superare la c.d. “prova di resistenza”. Questi i principi contenuti nell’ordinanza della Corte di Cassazione n. 9496, depositata il 22 magio 2020.

Share
0

File allegati

Articoli correlati

La competenza nei contratti di appalto

La Corte di Cassazione con sentenza num. 2479 del 4.02.2020 ha affermato che "la giurisprudenza di questa Corte (v., tra le altre, di recente, Cass. n.32958 del 20/12/2018) è ferma…
Continua

L’Irap e gli studi professionali associati

Con l’ordinanza n. 9597, depositata il 25 maggio 2020, la Cassazione ha ribadito che per le associazioni professionali l’autonoma organizzazione e quindi l’assoggettamento ad Irap sono presunti. Il contribuente però…
Continua