La prova nelle fatture soggettivamente inesistenti

La Corte di Cassazione con la sentenza n. 33320, depositata il 17 dicembre 2019. prevede che in caso di contestazione di fatture soggettivamente inesistenti spetta all’Ufficio provare, anche attraverso presunzioni purchè gravi, precise e concordanti, non solo la fittizietà del fornitore, ma anche che il contribuente era consapevolmente partecipe della frode, ovvero che se ne sarebbe potuto rendere conto usando l’ordinaria diligenza. A fronte di dette contestazioni, inoltre, il giudice tributario deve valutare l’eventuale sentenza di assoluzione nel parallelo procedimento penale, anche se la stessa non ha efficacia di giudicato.

Share
0

File allegati

Articoli correlati

La Cassazione sulla necessità della raccomandata informativa in tema di notifica della…

Secondo la sentenza della sezione V della Corte di Cassazione dell’11.05.2020 “Se la cartella di pagamento non viene notificata nelle mani del destinatario, è necessario il conseguente invio della raccomandata…
Continua

La Cassazione ancora sul diniego di autotutela

Con la sentenza num. 8719 dell'11.05.2019 la Suprema Corte si pronuncia ancora sul diniego di autotutela ed introduce spunti interessanti individuando la specifica figura del diniego di sgravio ed affermando…
Continua

Prescrizione quinquennale per interessi e sanzioni

La sezione VI della Corte di Cassazione con l'ordinanza 8297 del 29.04.2020 ha affermato che "i crediti di imposta sono, in via generale, soggetti alla prescrizione ordinaria decennale, ex art.…
Continua