L’onere probatorio in tema di FOI

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 22044, depositata il 13 ottobre 2020, ha ribadito che in caso di contestazione di fatture false è l’Ufficio che deve dimostrare l’inesistenza delle relative prestazioni. Ciò però può avvenire anche attraverso presunzioni, cioè una serie di elementi indiziari sintomatici della frode. Al contrario, la prova contraria del contribuente non potrà poi consistere nella semplice dimostrazione dell’effettivo pagamento delle fatture e dell’avvenuto adempimento dei propri obblighi fiscali.

Share
0

File allegati

Articoli correlati

La Cassazione riassume lo “stato dell’arte” in tema di contributi al Consorzio…

In tema di contributi di bonifica, il contribuente, anche qualora non abbia impugnato innanzi al giudice amministrativo gli atti generali presupposti (e cioè il perimetro di contribuenza, il piano di…
Continua

L’elemento soggettivo nelle fatture soggettivamente inesistenti

In tema di fatture soggettivamente inesistenti, la condotta antieconomica del fornitore non necessariamente è prova della consapevolezza della frode da parte del contribuente: occorre infatti verificare se ed in che…
Continua