Cassazione del 14.12.2020 num. 28401 in tema di responsabilità dei liquidatori, degli amministratori e dei soci

Con la citata ordinanza la Corte di Cassazione nel delineare il profilo della responsabilità patrimoniale di liquidatori, amministratori o soci, per debiti sociali non pagati,  afferma che “l’Agenzia delle entrate che, nell’esercizio del potere impositivo, esige dal liquidatore e socio di società di capitali il pagamento del credito 5 Corte di Cassazione – copia non ufficiale R.G. 23057/2015 vantato nei confronti della società, seppure accertato con sentenza passata in giudicato, deve quindi portare a conoscenza del contribuente, con apposito avviso di liquidazione, le ragioni per le quali egli è tenuto a versare l’imposta accertata in capo alla società, ed in particolare, al fine di porre il contribuente in condizione di contestare la fondatezza della pretesa impositiva, deve indicare gli elementi da cui si evinca che il socio, in sede di liquidazione, ha incassato somme od ha ricevuto l’attribuzione di beni della società ed il valore di questi poiché entro tale limite si apprezza la legittimità della pretesa”

 

Share
0

File allegati

Articoli correlati

La Cassazione torna sulla tassazione del vincolo in Trust di un immobile

Con la sentenza 8719 del 30.03.2021, la Suprema Corte torna sulla tassazione del vincolo di destinazione in Trust di un immobile e del suo momento impositivo. Il caso esaminato era…
Continua

Ulteriore circolare sulla transazione fiscale

il 29 dicembre 2020 l'Agenzia delle Entrate ha emanato la circolare 34/E in tema di transazone fiscale.
Continua